La pianta




L’intera pianta di Moringa è commestibile e possiede un notevole interesse dal punto di vista nutrizionale. È di grande rilievo il fatto che il contenuto proteico delle parti della pianta è completo, ovvero le parti della pianta contengono tutta la gamma degli aminoacidi richiesta per il fabbisogno proteico, anche quelli pregiati. Questo fatto è pressoché unico tra i vegetali: si può definire Moringa oleifera come l’unica pianta oggi nota con tali caratteristiche


 Le foglie

Le foglie sono commestibili e sono molto ricche in proteine,vitamine e sali minerali.

Contengono il 25 per cento in peso di proteine, più delle uova e il doppio del latte di mucca, il quadruplo in vitamina A delle carote e quasi otto volte la vitamina C delle arance, il triplo del potassio delle banane

Il frutto





Per quanto riguarda i frutti, l’uso più diffuso e frequente è la bollitura dei baccelli immaturi (detti ‘mazze da tamburo’), che hanno il sapore degli asparagi


Il fiore




​​​​​​​Anche i fiori sono commestibili e vengono di norma preparati in insalata. Inoltre, la moringa è pianta mellifera, e quindi può esser prodotto il miele dai suoi fiori.


I semi




I semi di moringa sono ottimi depuratori dell’acqua o di altri liquidi alimentari, fissano e catturano i corpi batterici e le altre impurità in sospensione nei liquidi inglobandoli in fiocchi che poi precipitano al fondo, lasciando il liquido più limpido e depurato. Tale proprietà di purificazione è ben nota nelle zone nelle quali spesso l’acqua non è pura. In questi luoghi la moringa è definita come “l’albero dell’acqua pulita”. Ad esempio nella valle del Nilo è conosciuta come “albero che purifica”


La moringa